CHIARA CANZIAN: Evento canzone d'autore il 21 Gennaio 2012

CHIARA CANZIAN

Evento canzone d'autore

Sono Chiara Canzian, nata il 13 Dicembre del 1989 a Vittorio Veneto, vicino a Treviso, in un giorno di sole e di neve... Ho cominciato a studiare canto con un insegnante jazz, Valeria Bruniera.

Dopo 3 anni mi sono iscritta alla scuola “Cambio Musica” di Brescia, dove per un po’ mi ha seguito Giulia Fasolino, soprattutto nella tecnica di respirazione, e ora da 3 anni, sto lavorando con Danila Satragno alla mia vocalità e alla ricerca della purezza e dell’originalità del suono. Ho inoltre studiato pianoforte, chitarra e armonia.

chiara canzian bambina A 14 anni ho iniziato a comporre moltissime canzoni dalle quali ne sono state poi scelte 13 che hanno formato il mio primo disco. La scintilla della composizione è scoccata dopo aver ascoltato per la prima volta Jeff Buckley, mio mito musicale, che mi ha fatto prendere consapevolezza del fatto che volevo trasformare la mia vita in musica...o forse era inevitabile che succedesse di ritrovarmi a scrivere e a cantare, visto che vivo da sempre a pane e musica...

Compongo principalmente con la chitarra e raramente qualche ballad col piano. Il mio primo singolo “NOVEMBRE ’96” è stato accolto molto bene dalle radio più importanti e anche il video di questo brano ha avuto un’ottima rotazione... insomma, proprio una bella partenza! Poi c’è stato il Festival di Sanremo nel 2009 dove ho presentato “PROVA A DIRE IL MIO NOME” brano che dava il titolo anche all’intero mio primo album e che mi ha fatto conoscere al grande pubblico.

chiara-canzian-sanremo Dopo Sanremo sono arrivati i concerti dal vivo, in club, locali e piazze di tutta italia... credo che cantare dal vivo sia la cosa più stimolante, formativa e assolutamente indispensabile per imparare a comunicare con il pubblico, grazie al riscontro diretto e immediato che ti stimola sempre a far meglio, ecco perché da anni sto facendo “palestra“ nei locali di tutta Italia, da sola o accompagnata dai miei musicisti.

Ho avuto l’onore di partecipare all’importante concerto benefico “AMICHE PER L’ABRUZZO” il 21 Giugno 2009 a Sansiro... è stata un’emozione davvero incredibile poter cantare davanti a più di 60.000 persone entusiaste. Oltre allo scopo umanitario che mi ha riempito d’orgoglio è stata anche un’ esperienza bellissima per i duetti che ho potuto fare con L’aura, e con tutte le mie colleghe Italiane nella canzone finale.

Vivo da tre anni da sola a Milano con il mio gatto Mirtillo e per “aiutare la sopravvivenza” (e anche perché la cosa mi diverte molto), faccio torte buonissime che vendo ad un paio di ristoranti sotto casa... ma torte a parte, vivere da sola mi ha aiutato a crescere, ed essere indipendente nei miei pensieri, ad avere i miei momenti di vera intimità per ragionare, meditare, dipingere, crescere e scrivere le mie canzoni.
E infatti nell’ultimo anno ho scritto tutti i brani nuovi che faranno parte del mio secondo disco in uscita ai primi di Aprile. Il disco l’abbiamo registrato tra Treviso e Milano, con la mia meraviglio- sa band che mi ha aiutato a sviluppare i brani, e con il mio fantastico fonico. Grazie a loro, e ad una grande ricerca interiore fatta in questo tempo che mi sono presa per trovare la mia strada nella composizione e nell’espressione vocale, si è ottenuto un suono unico e originale, sintomo di un volersi liberare dalle catene del pop, senza disde- gnarlo, ma provando anche nuovi percorsi più intimi, scuri, decisi e passionali.

Il primo singolo, “E TI SENTO”, ha segnato l’inizio di questo nuovo viaggio... La musica e il testo sono interamente miei come nella maggior parte degli altri brani che andranno a comporre il disco. Solo qualche canzone è invece stata scritta con amici in linea con il mio percorso e col mio gusto musicale...amici che hanno scelto di regalarmi loro parole o loro melodie da unire alle mie.

Mi sento veramente fortunata, perché sono riuscita a fare un disco che mi rappresenta in tutto e per tutto, senza cedere a troppi compromessi e con il coraggio di fare ciò che davvero sento, senza il problema di dover pensare a cosa il commercio vuole...e a 21 anni questa libertà vale più di un primo posto in classifica!