VERONA PROG FESTIVAL 2016: DELIRIUM I.P.G. + ANNIE BARBAZZA: Evento Rock il 29 Aprile 2016

VERONA PROG FESTIVAL 2016: DELIRIUM I.P.G. + ANNIE BARBAZZA

Evento Rock

DELIRIUM:
Nati sul finire degli anni ’60 con il nome di Sagittari, i Delirium (Ettore Vigo, Tastiere – Peppino di Santo, Batteria e Voce – Mimmo di Martino, Chitarra acustica – Marcello Reale, basso) adottano la sigla definitiva con l’ingresso di Ivano Fossati, nel 1970. Nel 1971 realizzano il loro primo album “Dolce Acqua: morbide atmosfere acustiche, sognanti ballate in un’azzeccata miscela di rock, folk e jazz, con arrangiamenti arricchiti dal flauto di Ivano Fossati che avvicina il gruppo allo stile dei più famosi Jethro Tull di Jan Anderson.
La notorietà del gruppo aumenta e l'anno dopo il gruppo partecipa al Festival di Sanremo con il brano "Jesahel" che diventerà un hit con milioni di copie vendute. Nonostante l’abbandono di Fossati, i Delirium con l’ingaggio del Flautista - Sassofonista Inglese Martin Frederick Grice registrano "Lo Scemo e il Villaggio" con il quale il gruppo raggiunge la piena maturità artistica con uno splendido disco di Jazz Progressive. Nel 1974 è la volta di "Delirium III Viaggio negli arcipelaghi del tempo", il piu' progressivo dei loro lavoro nel quale viene impiegata una vera sezione di archi e Mimmo Di Martino si cimenta per la prima volta alla chitarra elettrica.

Nel 1975 i Delirium si sciolgono.

Dopo molti anni di silenzio, nel 2003 il gruppo si ricongiunge grazie alla spinta di Pino Di Santo. Con un nuovo bassista (Fabio Chighini) ed un nuovo chitarrista – cantante (Roberto Solinas), i Delirium sono tornati alla ribalta con "Vibrazioni Notturne" (pubblicato dalla Black Widow Records nei formati cd e doppio lp nel 2007, n° di catalogo BWR 100), registrato durante i concerti dell'estate del 2006, nel quale presentano alcuni dei loro classici rivitalizzati, un paio di covers dei Jethro Tull ed una strepitosa versione di "With a little help from my friends" dei Beatles.

Terminati alcuni concerti promozionali in Italia e in Europa, tra i quali si ricorda la partecipazione al Baltic Prog Festival in Lituania nel Luglio del 2007, e un paio di partecipazioni televisive in RAI nelle trasmissioni "Sanremo dalla A alla Z" e "I migliori anni" condotte rispettivamente da Massimo Giletti e Carlo Conti, il gruppo è entrato nello studio Maia di Genova per la registrazione dei brani che compongono il ritorno discografico ufficiale in studio ad oltre 30 anni dalla realizzazione di "Delirium III: viaggio negli arcipelaghi del tempo". Avvalendosi della preziosa collaborazione del loro storico paroliere Mauro La Luce, già autore dei testi de "Lo scemo e il villaggio" e "Delirium III", la formazione ligure ha realizzato un concept album dal titolo "Il nome del vento", che come nello stile usuale dei Delirium, tratta il tema dell'uomo alla continua ricerca di se sttesso, e che trova nel vento il compagno ideale per spazzare via tutto ciò che di negativo si è accumulato nel proprio cammino e poter finalmente iniziare un luminoso cammino verso una nuova realtà. L'opera è impreziosita da un quadro dell'artista genovese Anna Ferrari e da alcuni ospiti di grande rilievo come il quartetto d'archi femminile composto da Chiara Giacobbe, Diana Tizzani, Simona Merlano, Daniela Caschetto (che parteciparono al bellissimo concerto di Febbraio del 2007 al Politeama Genovese che vide protagonisti i Delirium e Le Orme), Stefano "Lupo" Galifi (cantante del Museo Rosenbach), Sofia Baccini (artista napoletana che oltre ad essere la cantante dei Presence figura come collaboratrice degli Osanna); per l'occasione c'è da registrare il ritorno in formazione dello storico vocalista/chitarrista acustico Mimmo Di Martino. Musicalmente il gruppo appare fresco ed ispirato come non mai, infatti tutte le composizioni dell'album si dimostrano affascinanti e ricche di brillanti sonorità, riconsegnandoci dei musicisti che nonostante il passare degli anni non hanno perso l'originale classe e la vena compositiva che li ha sempre contraddistinti.

Oggi la storia musicale dei Delirium si arricchisce di una nuova opera veramente imponente, ovvero la pubblicazione di un DVD intitolato "Il Viaggio continua: La storia 1970-2010.

Il DVD contiene la videoregistrazione del concerto tenutosi al Politeama il 13 Febbraio 2007 con l'aggiunta di interessantissimi estratti da altri concerti ma soprattutto assumono grandissima importanza tutti i filmati storici degli archivi Rai degli anni 70 quando nella formazione figurava un giovane Ivano Fossati al canto ed al flauto.

E' possibile infatti assistere alla performance originale del loro primo singolo "Canto di Osanna", di una splendida versione del capolavoro "Dolce acqua" e della storica performance dal festival di San Remo con il loro più grande successo "Jezahel".

La confezione è arricchita da un libretto con foto e dal CD contenente l'intero concerto al Politeama!

Questa realizzazione è stata prodotta dalla Black Widow Records, che si occupa anche della promozione, distribuzione e vendita tramite il negozio situato in Via Del cCampo, 6 r. (TEL.010 2461708)

Annie Barbazza.

Annie Barbazza è una giovanissima cantautrice che, a dispetto dei suoi soli 21 anni, è approdata alla corte del Re Cremisi in persona. E ora sta registrando - agli studi Elfo di Tavernago scelti da Greg Lake per il quartier generale della neo rinata Manticore Records - il suo primo album sotto la produzione di Greg Lake e Max Marchini.
Annie, nel Novembre 2012 si è esibita con Lake da vivo assieme a Bernardo Lanzetti e Aldo Tagliapietra), e ha successivamente collaborato proprio con Lanzetti, prestando la sua voce nel riuscitissimo VOX 40, il 28 Maggio 2013, a Parma.
Ha aperto a Peter Hammill e James Blackshaw e altri ancora.