THE SUBSTITUTES WHO TRIBUTE BAND : TOMMY: Evento Rock il 14 Gennaio 2017

THE SUBSTITUTES WHO TRIBUTE BAND : TOMMY

Evento Rock

La "storia" dei The Substitutes comincia lì. In una grigia sala prove comunale a ridosso della via Emilia, intasata di traffico e nebbia. Niente di piú distante dalla Swinging London dei primi anni '60.

La "storia" comincia da una discussione, dall'ascolto dell'ennesimo cd dell'ennesima ultima novità musicale che si rivela per quello che è fin dalle prime note: l'ennesima rivisitazione del suono sporco, ruvido, animalesco, inimitabile e vibrante delle band a cavallo tra i sessanta e i settanta. Protagonisti della storia sono Giampaolo e Luigi che, simultaneamente, pronunciano la stessa frase: "È ora di realizzare quel vecchio progetto".

Il vecchio progetto, naturalmente, è un tributo agli Who. Per due thirty something come loro, saliti sul palco per la prima volta quando gli anni '80 erano ancora giovani, un tributo agli Who è un sogno, una sfida, ma anche un risultato inarrivabile. Un confronto con i maestri, con quel suono ascoltato, assorbito fin dagli anni della prima adolescenza. Una sfida, si diceva, che ha trenta e piú anni, 15 dei quali passati sullo strumento, adesso poteva essere raccolta: suonare i pezzi di Pete, Roger, John e Keith .

La gestazione dei The Substitutes è stata lunga e travagliata. Dal nucleo iniziale di Giampaolo (voce e chitarra) e Luigi (basso e voce) si è arrivati a The Substitutes mark 1, con il reclutamento di Tomaso Prodi (chitarra e voce), Paolo Bardelli (tastiere e voce) e Paolo "Pillola" Orlandini (batteria). Varie vicissitudini, inclusi matrimoni, separazioni e paternità, hanno portato alla sostituzione, nei mesi, dei tre in questione. Così, ad inizio 2001, si arrivava a The Substitutes mark 2, con i due "fondatori" affiancati da Gabriele Longoni (chitarra e voce), Silvia Degani (tastiere) e Paolo Ovi (batteria). Longoni e Ovi avevano raggiunto una certa fama nel circuito mod dei primi anni '80 con il gruppo The Coys, che aveva fatto ballare faces e tickets in tantissimi raduni in tutta Italia.

Con questa formazione The Substitutes hanno iniziato l'esperienza live nel 2001 e 2002, arrivando, il 15 settembre 2002, ad essere chiamati quali headliners al My Generation Day, mega raduno celebrativo dei quarant'anni dei The Who organizzato a Castelnovo Rangone, in provincia di Modena.

Con la fine del 2002, Gabriele Longoni, raggiunti i vent'anni di carriera musicale, ha deciso di ritirarsi a vita privata, lasciando il posto a Matteo Bonacini.

Il 2003 ha visto la band chiudersi in sala prove per molti mesi, a limare e rinnovare il repertorio, per poi tornare sui palchi in estate ed autunno.

L'8 dicembre 2003 The Substitutes hanno registrato un demo con 8 tracce al Musik Station di Correggio (Reggio Emilia), mixato qualche giorno dopo al Dude Music Studio, sempre a Correggio. I prossimi capitoli, per fortuna, sono ancora tutti da scrivere. Long live rock
Descrizione
Substitutes prendono il nome da un vecchio hit-single degli Who e sono formati da musicisti veterani della scena reggiana, spinti da una folle passione per il british sound nato a cavallo tra gli anni '60 e '70 e dalla voglia di ricreare, anche attraverso una strumentazione d'epoca, un suono irripetibile.