Strict Standards: Non-static method Debugger::invoke() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /var/www/vhosts/clubilgiardino.org/httpdocs/cake/libs/debugger.php on line 567

Strict Standards: Non-static method Debugger::getInstance() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /var/www/vhosts/clubilgiardino.org/httpdocs/cake/libs/debugger.php on line 567
VERONA PROG FEST: SAINT JUST DI JENNY SORRENTI + LOGOS: Evento musica progressiva - Club Il Giardino, Lugagnano di Sona (Verona)

VERONA PROG FEST: SAINT JUST DI JENNY SORRENTI + LOGOS: Evento musica progressiva il 20 Maggio 2017

VERONA PROG FEST: SAINT JUST DI JENNY SORRENTI + LOGOS

Evento musica progressiva

Saint Just è un gruppo rock partenopeo, il cui nome è ispirato al rivoluzionario francese Louis Antoine de Saint-Just, ghigliottinato a 27 anni.

Nasce nel 1973 come trio, formato da Jane Sorrenti che non aveva ancora cambiato il nome in Jenny (voce), Toni Verde (chitarra, basso, voce) e Robert Fix (sax), incentrato sulla bellissima voce femminile di Jane, anche autrice dei testi.

Il primo album Saint Just, al quale partecipa anche il fratello Alan Sorrenti, il percussionista Tony Esposito, Mario D'Amora alle tastiere e Gianni Guarracino alla chitarra elettrica, è un interessante esperimento di rock progressive con influenze classicheggianti e di musica popolare.

L'anno successivo Robert Fix lascia il gruppo e si unisce a Tony Esposito; entrano Tito Rinesi (chitarra, voce), Andrea Faccenda (chitarra, tastiere) e Fulvio Maras (batteria, percussioni). L'album che ne deriva, al quale partecipa anche Vince Tempera come strumentista, è La casa del lago, secondo e ultimo LP del gruppo che subito dopo si scioglierà.

Jenny Sorrenti ha ricostituito il gruppo, seppure con una formazione diversa rispetto alle precedenti.[1] Tale gruppo ha pubblicato nel 2011 a nome Saint Just Again l'LP Prog Explosion, dalla particolarità d'essere stato edito solo in vinile a 33 giri.

LOGOS:

I LOGOS si formano nel 1996 come cover band di classici del prog italiano
degli anni '70, soprattutto Le Orme e Banco del Mutuo Soccorso.
Nello stesso anno, intorno ai fondatori Luca Zerman (tastiere e voce),
Massimo Maoli (basso, chitarre, voce) ed Alessandro Perbellini (batteria),
il gruppo si stabilizza come quintetto, elaborando canzoni proprie ed
esibendosi dal vivo. Gli ottimi riscontri convincono i cinque ad insistere sul
materiale originale, che viene inserito sul CD di esordio del 1999, intitolato
semplicemente "Logos", che mette in mostra anche ottimi testi, tra fantasia,
filosofia e spunti di riflessione, caratteristica che resterà costante nella
storia della band. A dispetto di una giostra di cambi di line up i LOGOS
ampliano il repertorio delle cover (King Crimson, Jethro Tull, Genesis) e
scrivono brani nuovi che finiscono sul secondo disco "Àsrava" del 2001, che
riceve numerosi elogi dalla critica di settore e permette al gruppo di esibirsi
in concerto con una certa continuità. Nonostante molteplici difficoltà,
la band non demorde e nel 2010 partecipa a "Progressioni Sonore"
e al "Prog Fest" di Verona, aprendo per Il Biglietto per l'Inferno,
due anni dopo suonano ben tre concerti al suggestivo Posto Castello
di Illasi (VR) e fanno da spalla ai noti The Watch.
Nella primavera del 2014, firmano per l'Andromeda Relix, con cui
pubblicano l'atteso terzo album, il concept "L'enigma della vita".