MATTEO STAFFOLI & PILGRIMS OF BLUES: Evento Blues il 15 Aprile 2011

MATTEO STAFFOLI & PILGRIMS OF BLUES

Evento Blues

Matteo Staffoli,
Mantova 15 Marzo 1977


Cantautore, chitarrista, cantante ed armonicista, muovo i primi passi con la musica, come tanti, durante l'adolescenza spinto, anzi “chiamato” dal Blues, una specie di aura che mi ha avvolto e mi circonda tutt'ora, che mi è entrata dentro ed ogni giorno mi accompagna. Tutto è cominciato con Zucchero, Joe Cocker, i Blues Brothers,... poi sono stato rapito dall'espressività di Hendrix, dalla sua geniale emotività, ho trovato me stesso nel suono rude e sessuale di Muddy Waters ed infine ho provato grande interesse e profondo rispetto per i padri del blues: Blind Boy Fùller, Big Bill Broonzy, Robert Johnson...Alla base del mio percorso: il movimento. Vivo la musica non in senso melodico, ma come qualcosa che fa muovere il corpo e l'anima. Parallelo al mio percorso musicale, l'amore per la lingua italiana, il piacere nell'esprimermi scrivendo.




1992 – 1994 ARITHMIA. Gli anni delle prime esperienze, musicali e non solo, qualche concorso canoro, iniziazione alla chitarra elettrica, scoperta del blues, di Hendrix, comincio a scrivere canzoni.

1994 – 2005 NAKIRA Blues Band. Arte allo stato puro, fucina di passioni e di idee, condivisione di stili ed influenze, improvvisazione, vera esperienza di palco. E’ il gruppo storico, quello a metà strada tra il passatempo, lo sfogo e la professionalità, il lavoro.

2004 – 2009 DOPPIO MALTO. Il duo. Il ritorno all’ acustico, all’essenziale, passione e professionalità, impegno e valori. Un vero e proprio progetto culturale che mi ha permesso di arricchire le mie conoscenze musicali e di presentare spettacoli efficaci.

2004 – 2006 DEBORAH KOOPERMAN BAND. Esperienza arricchente ed emozionante. Ho avuto l’opportunità di lavorare con musicisti esperti e davanti a platee importanti. Deborah ha senza dubbio contribuito a farmi conoscere brani e autori di ambito folk/traditional che poi ho inserito con grande interesse nel mio repertorio.

2007 – 2007 TEA SPOON QUARTET. Collaborazione/sostituzione breve ma intensa che mi ha permesso di apprendere i rudimenti del fingerpicking.

2007 DIETRO LE QUINTE. Gruppo nato per la registrazione de “Il sogno, la strada & il re Serpente”. Musicisti bravi e competenti che hanno saputo interpretare i miei brani.


(ARTICOLI, LOCANDINE, FOTO CON DIDASCALIE)

Nakira Blues Band


GAZZETTA DI MANTOVA (27/07/2000)
"...La band, di Mantova, formata da Matteo Staffoli (chitarra e voce), Emanuele Borsari (batteria),Nicola Buelloni (basso) e Davide Ruggerini (tastiera), ripercorre una rassegna di felici arrangiamenti,di parodie blues e rock anni settanta. Il gruppo, nato nel 1994, non si cimenta nella solita devozionale ripresa dei grandi successi degli anni settanta. Tensione, motivazione, atmosfere: i Nakira mettono in scena la necessità di rinnovare se stessi e il proprio linguaggio per esprimere al meglio il loro potenziale.
Nel repertorio dei Nakira cover di Jimi Hendrix, The Doors, Blues Brothers, Muddy Waters e B.B. King".

IL CAPONAGHESE (02/10/2001)
"...Serata impegnativa quella del 11 agosto, dedicata al Blues con l'esibizione di un solista
MAURO FERRARESE e di un gruppo, i NAKIRA BLUES BAND. Mauro Ferrarese, da oltre 10 anni impegnato nella ricerca e nella rilettura di pezzi Blues risalenti agli anni 20 - 40, accompagnato solo dalla sua particolare chitarra acustica (Dobro) ha riproposto una serie di brani che hanno trasmesso forti emozioni al pubblico, sia per la timbrica e l'interpretazione vocale, sia per la grande abilità di strumentista.
I NAKIRA BLUES BAND hanno presentato invece una serie di pezzi più vicini ai nostri tempi; attraverso l'esecuzione di covers di Spencer Davis, Hendrix, Blues Brothers, B.B.King abbiamo avuto modo di capire il passaggio dal blues al rock degli anni 70 ed 80.
Il concerto si è chiuso con una esibizione di MAURO e dei NAKIRA
insieme. Anche qui momenti molto intensi e partecipati da quanti, sfidando un imprevisto calo di temperatura hanno voluto resistere fino alla fine del concerto..."